Vuoi un amore totalizzante? Le 3 componenti fondamentali



Desiderate un amore totalizzante, duraturo, appagante e autentico. Certo! Se vi piace, continuate a leggere. Troverete la risposta

 Ci sono quattro fattori che a lungo andare tendono a minare un rapporto di coppia.
  • La disponibilità a cambiare in funzione delle esigenze dell’altro.
  • La disponibilità ad accettare le sue imperfezioni.
  • La comunanza di valori.
  • La condivisione.
E’importante fin dall’inizio sapere che cosa aspettarsi col tempo, avere aspettative realistiche circa quello che si potrà ottenere e quello che finirà con l’essere più importante a lungo andare.
E’ importante esprimere l’amore nei comportamenti perché il modo in cui ci comportiamo assume i nostri modi di pensare e di sentire, forse non meno di quanto ciò che pensiamo e proviamo plasma le nostre azioni (se non agisci come pensi, finirai per pensare come agisci). Inoltre certe azioni portano ad altre azioni: le espressioni d’amore dell’uno influiscono su ciò che l’altro pensa di lui (sui sentimenti e sui comportamenti dell’altro nei suoi confronti) dando luogo così ad una serie di azioni che si rinforzano a vicenda.
La coppia tradizionale spesso entra in crisi e può morire a motivo della forte contrattualità che sta al fondo di questa relazione: una sorta di tacito contratto che modella con forte direttività la relazione stessa.

La teoria triangolare dell’amore


Una delle teorie da sempre più affascinanti e autorevoli a riguardo, è quella sulla triangolazione dell’amore, elaborata da Sternberg. Questa, infatti, fornisce una visione più ampia ed esauriente della tematica amorosa, attraverso una disamina basata sulla metafora generica del triangolo ( applicata utilizzando come vertici, fattori diversi in base all’argomento), così da facilitare la comprensione e la riflessione.

Sebbene per ciascuno di noi abbia un significato profondamente diverso, secondo Sternberg esistono tre componenti fondamentali dell’amore: intimità, coesione e decisione-impegno.


Desiderate un amore totalizzante, autentico, appagante e duraturo? Certo che sì... Se vi piace continuate a leggere e avrete la risposta!

L’amore è dato dalla presenza di queste 3 componenti contemporaneamente

l’impegno come componente cognitiva:
le azioni volte a trovare un compromesso valido tra esigenze e aspirazioni proprie e del partner;

l’intimità come componente emotiva:
comunicazione reciproca di sentimenti, sostegno emotivo e condivisione del proprio tempo;
 
la passione come componente motivazionale dell’amore:
(contatto fisico, attrazione fisica, desiderio sessuale)

Quanto maggiori saranno impegno-intimità-passione, tanto più grande sarà più intenso l’amore

Dalle diverse combinazioni di queste, derivano diversi tipi di relazione.


Vediamo assieme quali sono le possibili combinazioni e quindi, le varie tipologie di relazioni affettive: 
Non amore: assenza di tutte e tre le componenti; si tratta della modalità che caratterizza la maggior parte dei nostri rapporti interpersonali, dove non c’è amore né amicizia e sono relazioni casuali e funzionali.

Simpatia: c’è la sola intimità; confidenza, calore ma non passione. Sono le caratteristiche tipiche dell’amicizia.

Infatuazione: è presente la sola passione; sono le caratteristiche dell’amore a prima vista, con l’idealizzazione dell’altro che può arrivare fino all’ossessione.

Amore vuoto: fatto solo di decisione-impegno. E’ un amore stagnante, routinario, in cui non c’è più il dialogo dell’intimità, né la passione. A volte è l’evoluzione di matrimoni che durano da molto tempo dove si resta insieme solo per la “promessa” fatta scambiandosi gli anelli.

Amore romantico: c’è intimità e passione. Tipica delle grandi storie d’amore letterarie o delle avventure estive: c’è vicinanza, attrazione, ma non si può parlare di progettualità o perchè nessuno dei due la desidera o perché non è possibile a causa di circostanze esterne.

Amore fatuo: c’è passione e impegno ma non intimità. Si è travolti dalla passione ma alla base non c’è la conoscenza emotiva su cui costruire l’intimità. E’ caratteristico delle relazioni in cui ci si sposa poco dopo essersi conosciuti, sull’onda dell’attrazione, per poi rendersi conto che manca tutto il resto.

Sodalizio d’amore: è un amore-amicizia come si ritrova nei rapporti di lunga durata, dove la passione si è spenta ma resta l’intimità e l’impegno.

Amore completo e vissuto: è l’amore che tutti sognano. E’ difficile farne esperienza come è difficile mantenere vivo il rapporto, poiché presuppone una costante assunzione di responsabilità.


Ottenere una relazione completa e appagante è un lavoro continuo; una scelta quotidiana. L'amore non basta a se stesso.

Quello che è importante evincere, non è però la differenziazione tra i vari tipi di amore, quanto invece l’accento posto sulle 3 componenti fondamentali, quale intimità, impegno e passione: elementi cardine per un amore completo, sano e vissuto all’insegna della reciprocità e della crescita come individui e come coppia. 

E voi che ti relazione state vivendo o come sono state impostate le vostre passate relazioni? Si potrebbe parlare di una tendenza ad avere sempre un certo tipo di relazione. 



La vostra affezionata dottoressa del cuore















Nessun commento:

Posta un commento

ladottoressadelcuore