Regole base della conquista e dell'innamoramento


 
L'amore è un arte come dicevano Fromm e Alberoni. Amare bene e viversi un amore autentico è auspicabile. Il grande amore spesso trae in inganno (perché spesso viene idealizzato), o tuttavia lo possiamo provare solo una volta nella vita.

False credenze da sfatare nella capacità di fare innamorare:

L'aspetto fisico incide molto poco nel fare innamorare una persona. Non è assolutamente una discriminante, sia per gli uomini che per le donne.

Stranamente, a livello statistico,  sono le donne e gli uomini, giudicati di bell'aspetto, ad avere magiori turbamenti in amore, ad avere più delusioni, ad essere abbondanti o lasciati. 

Questo perché subentrano diversi fattori. Sicuramente l'essere oggettivamente belli, risulta essere una carta d'accesso che facilita ad incontrare molte più persone, ma rimane spesso fine a stessa, perché le persone belle vengono inizialmente corteggiate, ma spesso le stesse non hanno affinato la sensibilità giusta, necessaria per coinvolgere le persone, per farle innamorare. Ed il rifiuto non viene da loro esorcizzato, perché le persone belle, non sono abituate al "no" pertanto patiscono di più, rimanendo legate a quelle persone.

Regole basi della conquista e dell'innamoramento

L'aspetto fisico non conta. Le persone belle sono talmente sicure di piacere, che spesso non affinano le loro arti seduttive, non tirando fuori i loro punti di forza. Mentre le persone meno belle, essendo abituate ad essere rifiutate perché in loro esiste la falsa credenza "sono bruttino, non tanto gradevole pertanto non piaccio", sono per così dire abituate anche se questo termine non mi piace molto. La percezione distorta che hanno sul fatto di cosa possa intrigare o meno, li fa essere insicuri nell'approccio amoroso. Una profezia che si auto avvera e che porterà tali persone a non raggiungere ciò che desiderano in amore.

Vedete... In entrambe i casi, c'é qualcosa che non funziona! Alla fine soffrono tutti in amore direte.
No, soffrono solo chi non conosce e non appliche le regole (ovviamente non devono essere dettami rigidi), e che non si è costruito, attraverso un proprio percorso personale, la capacità di gestire la propria emotività, di costruirsi un'immagine di se positiva e la capacità di gestire la propria sofferenza.
In realtà la sofferenza non è negativa in senso assoluto; è un segnale come la paura che ci può salvare in molti casi, perché ci mette in allerta!
Ci sono persone difatti che vengono lasciate e questo comporta sicuramente un dispiacere, ma sicuramente le stesse diranno: può capitare che una storia finisca!
Quindi il problema è la vostra sofferenza. Dunque chiedetevi, se è qusesto il vostro caso, perchè soffrite così tanto? Perché vivete la fine di una storia come un abbandono?

 Per gli uomini la bellezza delle donne consiste nella loro libido. Se hanno libido (desiderio sessuale che si esprime anche con uno sguardo) le donne vengono venerate anche se bruttine, ve lo assicuro. Ciò che piace ad un uomo è quando una donna si muove in maniera altamente erotica, irresistibilmente sensuale, morbida. Quindi la conquista per un uomo consiste da quanto una donna riesce a far emergere la libido, la sua arte seduttiva. Fategli vedere cosa siete capaci e poi basta così. Tutto con il contagocce!


No alla generalizzazione in amore: se la sofferenza e la paura in amore persistono anche quando non se ne ha motivo, es.: dopo l'ultima storia dove siete stati lasciati pensate "tutti gli uomini e le donne sono uguali". Ci sono le persone diverse, ma spesso non vengono viste. Forse è più comodo vederla in questo modo, perchè non porta a riflettere dove si sbaglia nel mettere in atto certi pensieri e comportamenti, i quali andrebbero sostituiti con modelli più efficaci in amore. 

Suscitate l'interesse ma non togliete la curiosità. Se volete essere felici in amore e attrarre qualsiasi uomo o donna, ricordatevi questo principio. Ovviamente bisogna capire chi si ha di fronte... Sempre! Se avete a che fare con un uomo iper logico, dovrete suscitare in lui domande e risposte corrispondenti, ma non troppo. L'uomo iper logico è colui che vuole avere tutto sotto controllo e vuole essere lui a portare avanti la conversazione (in generale vuole gestire lui tutto). Per attrarre questi tipi di uomini, dovete mettervi sullo stesso livello, basando la conversazione sulla logica delle cose, suscitando in lui ogni tanto qualche atmosfera emotiva per esempio “è vero, nella vita è importante programmarsi le cose, anche se ogni tanto improvvisare e cambiare rotta, può essere molto intrigante e divertente”. Fate condurre comunque a lui il gioco pertanto non siate maniache del controllo. Se invece trattatasi di un uomo emotivo, dovrete suscitare in lui grandi emozioni. Per esempio: avete fissato di andare a cena fuori in un posto X, potreste dire lui “sai ho pensato che invece di andare nel posto x potremmo andare al mare e fare un pic nic sulla spiaggia, o prendere qualcosa da mangiare e andare in una giardino (avrete sicuramente un plaid nel bagagliaio. Tenerlo sempre, se non lo avete). Dovrete essere sempre voi a chiudere la telefonata dicendo “grazie della bella conversazione, ma adesso devo scappare, a presto”. Suscitate in lui la curiosità, ma non soddisfatela fino in fondo.

Gli altri rispondono al vostro comportamento. Quello che vi capita, quello che vi succede è perché voi ve lo siete cercati: se vi trovate sempre nella condizione di stare con persone che vi tradiscono - e dunque soffrite per questo -  è perché voi inconsciamente o non a livello logico, vi scegliete l'esperienza del tradimento. Un altro esempio potrebbe essere di coloro che si innamorano sempre di persone non disponibili o che hanno difficoltà ad instaurare legami.  Prima cosa: cambiate voi, le vostre credenze in amore, l'immagine che avete di voi e cambierà anche l'esterno. Solo così potrete attrarre persone diverse. Questo è un punto fondamentale, perché il potere è in mano vostra. Se pensate che il potere della vostra felicità, il potere di essere amati è degli altri, partirete con un atteggiamento sottomesso e perdente in amore. Esisterà sempre un comportamento che farà scattare nell'altra persona l'innamoramento, attraverso il tono della voce, la gestualità, attraverso le parole.

La prima cosa è capire chi si ha di fronte. Riuscirete ad agganciare uomini e donne che ricalcano il loro modello genitoriale di riferimento. Questo lo potete scoprire usando un certo tipo di atteggiamento, più o meno dolce, accogliente, materno, paterno o diametralmente opposto. Le persone che hanno sviluppato un modello di attacamento sicuro cercheranno donne e uomini che si mostreranno indipendenti, capaci di gestire la propria vita in autonomia. Le persone che hanno sviluppato un modello di attaccamento insicuro (evitante, disorganizzato, ecc..), cercheranno nell'amore una persona altrettanto incerta e bisognosa, che ha paura come lei dell'amore, che si lascerà andare fintanto non arriverà il contatto intimo, che darà risposte ambivalmenti (prima sì e poi no), che la vorrà assicurare, che vorrò stare sempre con lei.

I vostri problemi affettivi non devono governarvi: se avete qualcosa di irrisolto, e ne siete consapevoli, tanto da farvi mettere in atto comportamenti disfunzionali in amore, nonostante nella teoria siete consapevoli che sono sbagliati, dovreste cercare di intraprendere un percorso per eliminarli, comprendendone le cause. Se riuscite da soli, bene altrimenti avrete bisogno del supporto di uno specialista. Se così non farete, anche secondo la legge dell'attrazione attrarrete chi amplifica e rispecchia i vostri problemi, le vostre paure, le vostre insicurezze. E questo porterà ad allontanare la persona desiderata...

Date in base al grado di disponibilità dell'altro. Ci sono persone che vengono attratte e sedotte con un grado disponibilità (accoglienza), da parte dell'altro, del 10 per cento per esempio, e che per il 90% desiderano non ricevere questa vostra accoglienza a livello di tenerezza, rassicurazione, vicinanza e tempo.  Altre persone hanno invece la necessità di avervi vicine, di essere coccolate sotto ogni punto di vista.

Utilizzate una sorta di meccanismo di difesa . Quando ci innamoriamo tutti diventiamo più vulnerabili per questo è importanti utilizzare con consapevolezza certi strategemmi o comportamenti più efficicaci. E non si tratta di dire "dato che gli uomini e le donne sono tutti uguali, io chiudo con l'amore per non soffrire più". Si tratta di sviluppare  la capacità di saper gestire la propria emotività, e capire quando la stiamo proiettando sull'altra persona. Sarete voi così a decidere quando è più sano coinvolgervi e quando no. La capacità di non volere essere più coinvolti, non è la capacità  di "reprimere" le prorpie emozioni, ma di saperle gestire e canalizzarle su persone che meritano e sanno accogliere il vostro valore (perché voi stessi ve lo date),  perché non vederte dall'altra parte una risposta simmetrica, quindi noterete la realtà coì com'è: un disinteresse. La parte emotiva ci può far coinvolgere come decoinvolgere. Sembrerebbe quasi un interruttore che possiamo gestire. Esatto! Bisogna che voi cerchiate di essere "padroni" del vostro cuore e della vostra mente e non il contrario. 

Non dovete mai chiedere, ma offrire. Voi diventate seduttori o seduttrici se donate emozioni. Se capite che è fondamentale gestire bene la propria emotività, significa venire a patti con se stessi, con quella parte più profonda, regalandole emozioni. Dovete imparare in primis a sedurre la Vostra parte emotiva perchè in questo modo, avrete tutte le possibilità di decidere, sembra paradossale, quando lasciarvi andare e quindi innamorarsi e quando no. E nel momento in cui soffrirete, avrete la capacità di disinnamorarvi perché dentro di voi, avrete due alleati che si chiamano equilibrio emotivo e mente saggia. Questo perché,  la vostra ricchezza di emozini, il vostro amarvi, vi metterà nelle condizioni di pigiare i "tasti" più giusti e sani in amore. E' un processo interiore dove dovrete davvero regalarvi grandi e bellissime emozioni.  

Esercezio
Ci sono proprio dei cerimoniali, dei rituali paradossolai.
Esempio: provate paradossalmente a cercarvi in modo deliberato e conspevole tanti rifiuti in modo tale che sarete scossi da emozioni molto forti, anche auto somministrandosi il rifiuto per esempio con l'obiettivo di prendersi dei no. E dite "bene ecco un rifiuto, finalmente e poi un altro, un altro ancora". Si chiama "esposizione"  che paradossalmente farà invertire il senso di marcia; non soffrirete perchè la vostra parte emotiva ha fatto il pieno di emozioni e invertirà la rotta e non vi permetterà più di farvi abbandonare o essere rifiutati, anzi vi stupirete perchè diventerete molto più attrattivi e seducenti. Ogni cosa negativa diventerà positiva perchè la vostra parte emotiva non vi abbandonerà più avendola nutrita così tanto. La vostra mente si allontanerà da queste situazioni abbandoniche perchè le rifiuate, perchè le ha già vissute e ha già sofferta.

Seducete voi stesse. L'amore è una scienza non esatta, è un'arte e come tale si può imparare. Meglio dire; di puo' scegliere di imparare ad amare in maniera giusta o sbagliata, si può decidere di continuare a soffrire o meno. Non dovete far percepire all'altro il vostro bisogno di amare ed essere amate. Per fare questo dovete crearvi come più volte ho detto, emozioni forti positive. Vi sentirete coì complete che non investirete la vostra emotività (bisognosa), verso l'altro.

Non date mai l'esclusiva.  Se state uscendo con una persona che vi prende moltissimo, ma dall'altra parte non si capisce bene cosa voglia e quindi non si dichiara, cercate di spalmare le vostre energie, la vostra voglia di piacere e perchè no, testare la vostra capacità seduttiva, uscendo con altri uomini (ovviamente che vi piacciono ma che non vi coinvolgono come lui). Questo farà bene perchè:
a) non sarete energeticamente ed emotivamente "fissate" con il pensiero su di lui;
b) sarete più soddisfate perchè potreste andare in contro a belle sorprese;
c) potrete innamorarvi di una di queste persone che trovate compatibili con voi, lasciando perdere il "prescelto" che a quel punto di darò la caccia;
d) vi comporete come donne consapevoli della propria femminilità e quindi amano flirtare. Ma tutti finisce qui. Acquisirete dunque maggior autostima.


Fate complimenti e piccole fughe. Il metodo di conquista migliore va modulato sulle caratteristiche dell'uomo oggetto di attenzione. Così insegnano le vere seduttrici. Innanzitutto, ricordandosi che all'uomo piacciono i complimenti contestualizzati. Ovvero, se lui è uno sportivo saranno apprezzate parole di encomio sulle sue prestazioni atletiche, se lui è un po' "nerd" ci si potrà sbizzarrire chiedendo consiglio in merito a problemi tecnici del PC e poi ringraziare stupite di cotanta conoscenza tecnologica...
Ma non di sole lodi è fatta la conquista: ogni tanto è bene "sparire" per brevi periodi, soprattutto virtualmente parlando. La conquista d'amore, oggi, ha infatti una componente 2.0 decisamente rilevante. 



La vostra affezionata dottoressa del cuore



Nessun commento:

Posta un commento

ladottoressadelcuore