Come porre fine ad una relazione infelice



Sulla scia del pezzo che ho già pubblicato sul blog “Tolleri un amore malato? 16 spiegazioni”, ho deciso di scrivere questo nuovo pezzo.

Ci sono tante e tante donne, che non riescono a porre fine ad una storia, perché non c’è più amore o perché semplicemente, anche se semplice non è, la relazione non provoca più quel benessere e risulta essere malsana per loro. 

E qui la fatidica domanda "Non riesco a lasciare il mio partner, non sto più bene in questa relazione, cosa devo fare? Perchè non riesco a porvi fine?"

Non potrei mai dire ad un paziente o ad un lettore, cosa deve fare o non fare (non è questo il compito di un psicologo o psicoterapeuta), ma sicuramente quello posso fare, è fornirvi dei consigli, che possono aiutare a riflettere sul perché continuate a stare con una persona che non amate più, o che vi fa stare molto male. 

Sono tre le domande che sicuramente propongo di farvi, se volete e sono le seguenti:

“Cosa mi blocca, cosa mi impedisce di porre fine a questo tipo di relazione?”

“Cosa c’è dietro a questo mio voler rimanere attaccata a questa relazione? E' amore o bisogno?, Paura di rimanere sole, di non ritrovare più un uomo che comunque, mi vuole bene?”

“Riesco a tollerare il senso di vuoto che mi creerebbe, lo stare da sola?”


Se riuscite a darvi una risposta, siete già sulla buona strada verso la consapevolezza delle ragioni che vi portano a non riuscire a terminare la vostra relazione. Sarà pertanto, più facile, prendere delle decisioni o le azioni da fare.
In questo pezzo, vi suggerirò solo ed esclusivamente (per chi mi segue su Instagram, ho fatto anche un video su IG TV, in merito a questo argomento), degli esercizi scritti per fare chiarezza, per fornirvi una nuova consapevolezza dentro di voi, per non sentirvi stressate e non amplificare il disastro imminente, nel momento in cui deciderete porre fine alla vostra storia, o al solo fatto di prendere in considerazione questa ipotesi. 

Questi esercizi servono a) per fare ordine mentale, nel caos che regna dentro di voi, b) per mantenere un certo distacco emotivo c) per sviluppare un atteggiamento mentale non giudicante d) per non agire sotto la spinta di forti emozioni  e) per fare una fotografia di quella che è la vostra situazione relaziona attuale, senza giudicarla.

 Il tutto porterà ad un effetto immediato di benessere, perché vedrete innanzitutto, che state facendo qualcosa di concreto per voi, per affrontare questa situazione. 
Seconda cosa, la vostra mente vedendo nero su bianco ciò che avrete scritto,  cercherà di prendere le distanze da ciò che reputa essere nocivo, vedendolo esasperato.

Il mio consiglio è di fare questi esercizi durante questi momenti:

Nel momento in cui subentrano pensieri angoscianti, ossessivi, circa la vostra relazione che non vi soddisfa più;

Quando accade una situazione con il vostro partner, che vi procura stress e malessere;

Quando sentite crescere dentro di voi, il forte dubbio sul cosa fare: se continuare o meno, il vostro rapporto.

Esercizio:  vantaggi e svantaggi nel continuare a stare con questa persona

Prendete un foglio, dividetelo a metà, e in modo concentrato e lucido (non dovete essere molto attivate emotivamente, altrimenti dovrete prima, abbassare l’intensità delle vostre emozioni), scrivete da una parte la lista di vantaggi (attenersi a fatti concreti), che ci sono nella vostra relazione (cosa vi da lui, cosa vi procura la relazione, come vi fa sentire lui, come vi fa sentire la relazione: ogni minima cosa è importante a livello di fatti, emozioni, stati d’animo, ecc ….), dall’altra parte gli svantaggi della vostra relazione, o nel mantenere in piedi questo rapporto. 

Questa lista potrete tenerla “aperta”. Non è che vi serve nell’immediato prendere una decisione, assolutamente NO. Via via che ci saranno degli accadimenti sia in positivo, sia in negativo, li aggiungerete e alla fine, quando sentirete che la lista può dirsi conclusa (perché avrete maturato una consapevolezza chiara sul vostro rapporto), tirerete le somme di tutti i vantaggi e gli svantaggi.
 
Nota: attenersi sempre ai fatti! E non alle vostre interpretazioni degli eventi, quando scrivete vantaggi e svantaggi!


Esercizio:  anticipare le conseguenze nel pensare alla fine della vostra storia

Prendete un foglio, e scrivete tutte le possibili conseguenze (positive e negative), nel momento in cui pensate effettivamente di aver posto fine alla vostra relazione. 
Come vi sentireste? Cosa potrebbe succedere? Cosa potreste fare di diverso? Cosa acadrebbe al partner? Ponetevi qualsiasi tipo di scenario a livello di comportamento, emozioni, paura, cambiamenti, pensieri.... Anche in questo caso la lista puè ritenersi aperta, nel senso che potete aggiungere via via, elementi che vi sembrano rilevanti. La chiuderete solo quando sentirete che sarà giusto farlo.

Nel fare questo esercizi, vi renderete conto che potranno accadere due eventi A) Immaginerete la situazione più catasfrofica e negativa in assoluto B) Verrà fuori che alla fine non sarà così drammatico per voi e per l'altro, terminare il rapporto. 

Nel caso A) la vostra mente (e voi), vedrà talmente esasperati questi pensieri, che ne vorrà prendere le distanze, pertanto riuiscirete a dare un altro peso alle conseguenze della fine di una storia. Ridimensionerete il tutto senza creare allarmismi non adattivi e utili per voi. 

Quando fate questi due esercizi, tenete sempre a mente che, dentro di voi, ovvero in coloro che sono abbastanza "incollati alla relazione", ci sono sempre due parti:
 Una parte più adulta sentimentalmente, più indipentente, più SANA, e un'altra parte più dipendente, più immatura sentimentalmente ed affettivamente, più "patologica" (non nel senso che avete una patologio!)


Dopo aver fatto questi due esercizi, cercate di far parlare queste due parti.

Cosa vi suggerisce di fare la parte sana di voi? Cosa vi consiglierebbe?
E cosa invece, vi dice la parte malsana, dipendente di voi riguardo a quello che è venuto fuori dagli esercizi? Cercate sempre di essere "non emotivamente attivati", altrimenti non potrete fare nessun espercizio, utile ed efficace. 

Mi auguro con il cuore, di esservi stata utile in qualche modo. 
Fate parlare la parte sana, matura di voi. Lei sicuramente sa benissimo qual è la cosa da fare più giusta per voi.... Ascoltatela, fidatevi di lei!

Non condannatevi ad una vita affettiva infelice!

La vostra affezionata dottoressa del cuore



Nessun commento:

Posta un commento

ladottoressadelcuore