Il triangolo d'amore secondo una dipendente affettiva...








 Il triangolo c'è, e lo aveva pure considerato, così canticchierebbe la dipendente affettiva DOC.  Questa immagine che vedete sopra, rappresenta le 7 tipologie di relazione che derivano dalla combinazione astrologica, di tre componenti chiave dell'amore ovvero impegno/decisione, passione e intimità. Molto interessante anche se, a mio avviso, ne avrei aggiunte molto altre. 

In un articolo precedente, avevo abbondantemente descritto le caratteristiche di ogni forma d'amore, pertanto, non vi annoierò riproponendovi la storiella....

La cosa che mi interessa sottolineare, in questo pezzo che sto scrivendo, è il tipo di relazione che sta in basso del lato del triangolo: l'amore fatuo, leggero, povero in qualche modo, dato dalla passione (attrazione fisica, passione, erotismo) e l'impegno di voler mantenere questo tipo di relazione. Manca un aspetto fondamentale: l'intimità, ovvero , la fiducia nell'altro, l'affidarsi all'altro, il sentire l'altro e i suoi bisogni, l'empatia.

Sembrerebbe che questo tipo di legame affettivo sia tipico delle persone con bassa autostima, sfiducia in se stesse ... Mi sa che si sta parlando delle meravigliose dipendenti affettive.  Queste donne (ancora è prematuro parlare di dipendenza affettiva al maschile), sono sinceramente orientate, nel voler costruire un rapporto, ma la fame d'amore che  le ossessiona e il terrore di essere abbandonate, fa si che siano perennemente in una costante fase di allerta e di bisogno. 

Questo fattore sicuramente, non permette loro di ascoltarsi e ascoltare realmente l'altro. La dipendente affettiva alla fine "si da a tutti, per non darsi a nessuno". Fondamentalmente si fida per non fidarsi, credi di amare, ma ama il bisogno necessario dell'idea di poter essere davvero innamorate, in modo tale da sentirsi automaticamente amate e indispensabili per qualcuno. 

Teme fortemente l'abbandono pertanto non si affida a nessuno, pertanto, l'intimità è inesistente. Un fantasma necessario, che non riesce a trasformarsi in qualcosa di concreto. La dipendente affettiva, non ha gli strumenti base per amare in modo sano. Si porta dietro ferite antiche (modalità disfunzionali di attaccamento con le figure genitoriali di riferimento), che non le permettono di costruire un amore progettuale, stabile, consistente, profondo.

Lo brama, lo aspetta sempre al primo binario con un'ora di anticipo, ma ahimè, non arriva mai, perchè non sa come si fa. E spesso il suo partner ne sa meno di lei perchè il suo uomo tipico è problematico e dipendente come lei (rapporto di co-dipendenza).

Da ogni lato del triangolo la dipendente affettiva vada, rimane sempre con la bocca asciutta, perchè la parola riccorrente è "mancanza". 
Mancanza di equilibrio emotivo, mancanza di amor proprio, mancanza di fiducia in se stessa, mancanza di autostima, mancanza di autocontrollo (sono facili le fuoriuscite di rabbia o gelosia della donna dipendente), mancanza di sicurezza

MANCANZA D'AMORE... QUELLO CHE DOVEVA SPETTARLE DI DIRITTO DA PICCOLA!


La donna dipendente scivola su questi lati, precipitando senza paracadute. Puo' essere un'amante perfetta, un'amica perfetta, ma non potrà mai essere, a meno che non si faccia aiutare, una compagna affidabile e amorevole.  Non sa aspettare, non sa dosare le sue premure; è soffocante, pressante, insistente e persino manipolatrice per arrivare a guardarsi allo specchio e dire " Si, lui è il mio grande amore, finalmente l'ho trovato, ed io sono la sua metà perfetta". Peccato che sia solo una donna a metà..... tre quarti....
E peccato che ogni uomo che incontro è il GRANDE AMORE.

SI AMA QUANDO, QUANTO E COME SI E' STATI AMATI.

LA GUARIGIONE? Un percorso che innanzitutto le faccia elaborare la ferita di non essere stata amata in modo sicuro. 
Una rieducazione cognitiva: va presa come una bambina (perchè sentimentalmente è rimasta infantile), e le va fatto comprendere i suoi schemi mentali e comportamentali ricorrenti con gli uomini, e come lei li giudica. 
Le va mostrata una nuova strada: l'amore non si compra, non si vende. L'amore per la dipendente affettiva è ESSERE VISTE, perchè nessuno ha mai ascoltato in realtà i suoi bisogni. Nessuno ha accolto le sue parole, nessuno l'ha ascoltata....

NESSUNO L'HA VISTA!




A presto......


Nessun commento:

Posta un commento

ladottoressadelcuore